rimarchevole…

un blog di provincia…

-A Monia: percorsi umani, sociali, filosofici

numero monografico dedicato a Monia Andreani
Prisma. Economia Società Lavoro, anno X, n. 1, 2019
A Monia: percorsi umani, sociali, filosofici

E’ uscito per l’editore Franco Angeli il numero di “Prisma”, semestrale di analisi economica e sociale (IRES Marche) dedicato a Monia Andreani.
Undici contributi in forma di saggio raccontano il pensiero, il lavoro, la persona:
la curatrice del fascicolo, Fatima Farina, è riuscita a coinvolgere la maggior parte delle persone che hanno lavorato a progetti editoriali con la filosofa Monia Andreani (1972-2018) prematuramente scomparsa e della quale ricorre, il 27 maggio, l’anniversario.
Un tributo non solo dato col pensiero ma col cuore, nella forma della pubblicazione scientifica, che ha richiesto molto lavoro, intessuto relazioni, recuperato ricordi e riflessioni, spaziando dagli anni novanta a d oggi tra libri scritti, lezioni, sfide intellettuali, prima fra tutte quella di amiche che, prendendo il coraggio a due mani, si sono impegnate a restituirci Monia con la tensione verso una possibile completezza della figura. Ciò evitando l’ uso dello strumento biografico “neutro”, grazie alla forma di testimonianza originale degli articoli di autori ed autrici che si confrontano con la loro memoria più profonda, una scelta editoriale che ha permesso di creare un “prisma” di luci, ognuna peculiare e illuminante il lavoro intellettuale e le qualità umane della filosofa.

Quella di Andreani è “Una perdita gigantesca”, come scrive la curatrice citando Patrizia David, ricordando come Monia abbia oltretutto preso parte alla Redazione di Prisma. Del raro stile intellettuale della filosofa, rigorosa e creativa al contempo raccontano i contributi al numero,

aprendo con l’editoriale di Fatima Farina  “Cura, vulnerabilità e vita”, cui seguono

“La giovane favolosa. Storia di Monia come storia di tutte”, di Francesca Palazzi Arduini,

“Cara Monia. Une réflexion sur ton travail et ta manière d’être au monde”, di Rada Ivekovic,

“Coltivare la differenza perché la soggettività eccede l’identità”, di  Alessandra Vincenti,

“Relazionalità e politicità nella filosofia di Monia Andreani”, di Libero Federici,

“Figlie pietrificate? Genealogie e (nuove) relazioni politiche”, di Giovanna Vingelli,

“No one should feel out of place. Novissimo dialogo fra Mondi e Axel”, di Simone Brunetti,

“Caregiving: etica e relazione di cura”, di Roberto Lala e Luca Nave,

“Monia Andreani e la Rete Milanese vulnerabili”, di Andrea Armocida,

“La forza irresistibile della vulnerabilità”, di Lucia Tancredi,

“Monia Andreani anima libera e libertaria”, di Lia Didero.

E’ possibile leggere l’introduzione, ed acquisire la versione digitale degli articoli (tramite Download Credits) o richiedere il fascicolo cartaceo sul sito dell’editore Franco Angeli.

Ricordiamo che recensioni delle sue pubblicazioni ed altre notizie sono consultabili su www.moniaandreani.it

 

Femminismi blog.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 16, 2020 da in femminismi, monia andreani con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: