rimarchevole…

un blog di provincia…

– L’irresistibile Papeetezza dell’Essere. Il principio del piacere nel leaderismo italiano.

Sigmund Freud Lego

Segnaliamo, sul numero di Settembre 2019 di “Nom Mollare”, l’articolo “L’irresistibile papeetezza dell’Essere.
Un dialogo tra i principi di realtà e di piacere nel leaderismo nostrano.”
Un articolo molto attuale visti i recenti balletti strategici nella politica istituzionale italiana, nel quale vengono segnalate le corrispondenze tra gli schemi adottati da Salvini, Renzi e Berlusconi dal punto di vista dei freudiani principi di piacere e di realtà.
L’autrice fa anche riferimento ad un testo poco conosciuto ma geniale di Gertrude Stein, “Sono soldi i soldi?”, proponendo di analizzare la pulsione anale dei leader riguardo l’uso della moneta sovrana.
L’articolo è leggibile integralmente (pagg.13-15) sul numero online scaricabile qui: Non Mollare su Critica liberale
…citiamo un breve brano dell’articolo, ricco di riferimenti satirici:
“In questo occorre ricordare che uno dei grandi miraggi, amati sia dal Movimento 5 stelle che dalla Lega, è quello della “moneta sovrana”.
Se i governi ‘RoboGov’ di Monti e della Fornero, e le pallide complesse e lontane istituzioni centralizzate europee, rappresentano obbedienza a regole comuni e programmazione del Sacrificio a garanzia della competizione globale… la moneta sovrana, come la cacca, è invece qualcosa che si fa da sé, e regala una autonomia utopistica in un sistema capitalista complesso. In questa soddisfacente fase anale tutte le politiche populiste si auto-premiano, ovviamente aliene dai concetti libertari di solidarietà e anche dai più basilari principi di condivisione che sono alla radice del concetto stesso di Diritto umano. Bizzarre ma comode, perché, con la loro complessità spesso farraginosa e amata dagli autodidatti della analisi finanziaria, in realtà distraggono dalla ben più impegnativa analisi critica del Capitalismo come modello.
La “moneta sovrana”, feticcio di quella libertà che sia i populismi che il Capitale non sono in grado di godere e non ammettono…è la “merda promessa”, il ritorno ad una società autarchica, che contraddice il Capitalismo e la sua globalizzazione solo tornando al girone precedente, in cui nemmeno esiste un concetto condiviso di “cittadinanza” ma semmai un luogo per il Casinò.
La faccenda si chiude sempre al solito modo, quando, come scriveva Gertrude Stein, c’è sempre qualcuno che “deve fermare il Re prima che spenda troppi soldi”.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 25, 2019 da in acidofile, ambaradan o sarabanda? con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: