rimarchevole…

un blog di provincia…

– Gregoretti a Fano…tra spiedini d’eretico e misteri buffi.

Il Sindaco DC. Giuliani, finì sulla tv nazionale come Pollo Giuliani alla Diavola, caricaturato da Patrizia Diamante.

Pubblichiamo una nota di commento all’iniziativa di venerdì 2 agosto, al centro Salomone, per Ugo Gregoretti.
In questi mesi di perdita di personaggi fondamentali della cultura degli anni ’60 e’70, se n’è andato anche il regista e giornalista Ugo Gregoretti. Di lui conserviamo un ricordo affettuoso e divertente grazie alla sua visita “esplorativa” a Fano, in tempi in cui andarsene in giro a intervistare la gente comune era qualcosa di sperimentale, una scelta culturale di rottura con la televisione ed il cinema “borghese”.
Così Gregoretti parte con la sua troupe e, nel 1961 con la trasmissione “Controfagotto” e negli anni Novanta con “Sottotraccia” per Rai Tre… intervista persone di ogni genere, cercando di raccontare un’Italia fatta di diversità ed ironia, facendo satira su debolezze e genialità di donne e uomini sconosciuti, precorrendo trasmissioni come Portobello o la Candid Camera di “Specchio segreto” varata da Nanni Loi nel 1964.
Ugo Gregoretti ha girato “Sottotraccia”, definito nella sigla come “un programma di affettuose canzonature”, dal 1991 al 1994, e venne a Fano il 22 Agosto 1992 al nono meeting anticlericale per girare alcuni minuti della sua trasmissione, curioso di quella ormai periodica manifestazione che in quegli anni di Nuovo Concordato e di Chiesa Wojtyliana scandalizzava (ma anche ispirava) la stampa nazionale con la sua presenza politica e il suo fenomeno culturale fuori dagli schemi.
Gregoretti non era estraneo alla riflessione sulla laicità dello Stato: nel 1963 fu uno degli autori del film Ro.Go.Pa.G. (Rossellini, Godard, Pasolini, Gregoretti), per il quale Pasolini (per l’episodio ‘La Ricotta’) venne denunciato per vilipendio alle religione di Stato (ex Art.402 C.P.) ed il film sequestrato.
L’attenzione di Gregoretti ci colse di sorpresa, anche perché arrivò a girare la sua intervista di sera, mentre era già aperta la cena col famoso “Menù eretico” (attraverso il quale si finanziavano conferenze e spettacoli, tutti gratuiti), e stava andando in scena sul palco in piazzale Malatesta “Il mistero buffo” di Dario Fo, messo in scena da un allievo di Fo, Mario Pirovano.
Quell’anno l’amministrazione comunale ci aveva negato l’uso della parte interna della Rocca Malatestiana, accampando motivi di “agibilità”, e ci aveva concesso il piazzale per la cucina ed i concerti, più la Sala San Michele ed il suo chiostro per conferenze e servizio libreria.
Gregoretti quindi riprese la mensa, le bancarelle “ospiti”, qualche gadget (tra i quali il famoso adesivo “Papa Wojtyla? No, grazie!” che giunse a toccare i diecimila pezzi diffusi) ma non riprese i dibattiti e la parte più prettamente politica della manifestazione. Quanto ci giovò questa sua visita? Certo non mancarono nell’intervista al ‘cuoco’, Federico Sora, battute sulla “mafia forlaniana” e sui fondi in possesso di Comunione e liberazione… ma si trattava di battute, qualcosa di ammiccante che stupiva mentre scorrevano le immagini del “Menù eretico” e dello spettacolo teatrale.
Tra queste immagini, commentate da un suadente Gregoretti, quelle delle vignette del Menù eretico, per il quale spiccò sulla tv nazionale la caricatura dell’allora sindaco di Fano, il democristiano Giuliani, ritratto come pollo arrosto, si trattatava del Pollo Giuliani alla diavola, caricaturato da Patrizia Diamante.
Di certo occorre ringraziare Gregoretti per il suo stile che, seppure alla ricerca dell’ “inconsueto”, non ha mai mostrato quello snobismo tipico invece degli intellettuali della sinistra organica, che in modo malevolo invece tentavano in quegli anni di “ridimensionare” la portata politica dell’iniziativa. Meeting che invece volutamente coniugava momenti colti e provocazioni politiche (come la Associazione per lo Sbattezzo) ad attività pratiche come quella del cucinare assieme, ed attività nuove che spingevano alla socialità vera (non solo alla fruizione), come i laboratori di ginnastica bioenergetica, l’autocostruzione degli spazi, il campeggio libero. Per Gregoretti, che lo aveva capito, un saluto e un rimpianto.

FPA

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il agosto 1, 2019 da in alternativa libertaria fano, anticlericalismo, centro salomone fano con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: