rimarchevole…

un blog di provincia…

– Black Christmas per i senza tetto a Pesaro

barbona
Ricci trova un milione per Pesaro, titola la stampa locale. Vi chiedete per cosa? Per il nuovo campo di Rugby, lo sport “in” del momento, che necessita di “illuminazione di torri faro alte 12 metri pagate anche coi soldi del CIPE “Sviluppo e coesione”. E intanto continuano i raid della polizia municipale pesarese, forse unico ufficio comunale a interessarsi dei senza tetto, per preservare il “decoro”… se si escludono alcune associazioni di volontariato, la coesione sociale non è valida per tutti.
Leggiamo ad esempio dal comunicato stampa di “Pesaro solidale”:
“In questo momento a Pesaro, vi sono 200 senza fissa dimora, ha sottolineato Longobardi, che si spostano come cavie randage, da un angolo della città ad un altro e trovano rifugio, o lungo la sponda del fiume Foglia, o alla stazione del treno o nei giardini pubblici. Spesso, anche con questi freddi sono coperti da cartoni. Chi sono? Sono in gran parte italiani, provenienti dal Sud, ma vi sono anche degli stranieri, che vivevano da tempo a Pesaro e poi hanno perso il lavoro. Il problema del lavoro si coniuga drammaticamente con quello abitativo. Nel 2015 vi sono state 300 sentenze di sfratto a Pesaro, di cui 170 esecutive, mentre 130 hanno abbandonato le loro dimore. Stanno aumentando i cosiddetti agglomerati spontanei, di stranieri senza lavoro, migranti che non hanno il permesso di soggiorno, e che spesso ritroviamo a vivere in nero e in clandestinità in abitazioni occasionali, come quelle case a schiera al Campus vicino al supermercato Sidis, in cui vivono anche 5 o 6 persone in un garage, e pagano sempre in nero 300 euro al mese ,per una stanza ad uso cucina. E’ sta per arrivare il grande freddo e le feste di Natale, che per molte persone povere, è purtroppo, un segnale negativo”.
Si tratta di inefficienza dell politiche sociali? Di scarso interesse politico? sicuramente non di mancanza di fondi, perché vediamo che per altro, soprattutto quando si tratta di mietere consensi e voti, i soldi ci sono sempre. Il problema allora è: come rendere appetibile a questa amministrazione il voto dei senzatetto, dei senza reddito, dei migranti senza collocazione? se ci riusciamo, troveranno un tetto anche a loro, oltre che al pallone ovale.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 2, 2016 da in acidofile, antirazzismo, guarda qua (ed anche qui e quo), migranti, politica locale con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: