rimarchevole…

un blog di provincia…

La gita da Osciàn – Black Friday

pizzapasta
In occasione del Black Friday,  offriamo gratis
questo resoconto in dialetto fanese-valmetaurense, basato su fatti veri.

Sà la macchina d’Augusto
che c’ha el post più grand de dietra
v’lemi gì giù anca nó
che de roba c’n’è un bel po’
cel diceven già da’n mes
“gitce subit per le spes!”
Ma in dù è? Giù pei Belocchi?
ji en guid più, me trema un occhi…
guida Augusto ch’è più svelt
purtan giù anca mà ‘Menco
sal baston e sal capell
ch’ha sentit che c’è l’uferta
de la carne de l’agnell.
Dacsì el sabet la matina
partin sa stà birucina
vedi c’è la superstrada
“guardme ben du è ‘l cartell”
mò in dù vai, giri per Roma?
Sò cuntent ch’eri il più svelt
che s’en era che so sgagg
gimmi a fnì fin’a le Piagg.
Arivàn sa sté pass calm
el parchegg na piassa d’arm
cum se fa, e chi l’ artrova?
machì è tuta roba nova
anca prenda stì carell
e cu è! ce sta un vitell!
Gira gira che straféri,
sembra d’essa tutt stranier
c’è la roba de cent fier.
Gusto già è stralunat
quand ha vista la pasta corta
in offerta -a zero trenta-
era tutt emusiùnat
n’à pres sù le vagunat,
sin turnati alla vettura
ch’aven spes una paura
en ce stava più la roba
el lunott era tutt pin:
carne, latt, pacc de biscott
dam de vin, el presciutt cott
“quattre-cento mila lire”
che se vien el gran nevon
starìn ben per un bel con
…mò, me sa che la metà
ha da fnì dentra el bidon.

FPA

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 25, 2016 da in acidofile, fano old movie, pesche sciroccate, poesia con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: