rimarchevole…

un blog di provincia…

Family May Day

cassetta_lettere
-Ciao
-Ciao!
-Come è andata oggi? Hai festeggiato il Family Day?
-No, nella mia strada non possiamo…
-?!?
-Beh, non abbiamo il materiale umano adatto, come famiglie…
-Perché, non possono festeggiarlo tutti?
-Ma no! Scherzi? Mica è come la Festa della donna, o la Giornata contro l’epatite.
-Scusa, ma non sono famiglie tutte quelle di persone che vivono assieme?
-No, guarda, prima la Famiglia con la F maiuscola era quella dei film degli anni Cinquanta in Italia. Eri famiglia se mangiavate tutti assieme alla stessa ora con la tovaglia di stoffa, e c’era il nonno, o al massimo Tina Pica.
-E solo quella?
-Beh, poi hanno dovuto specificare che se mangiavate alle stesse ore ma la tovaglia era a quadretti e lasciavi la mancia non era Famiglia ma Trattoria…
-Va bene ma scusa, voi state assieme da vent’anni, mangiate alla stessa ora, avete la tovaglia di stoffa, stirate anche i fazzoletti, non avete i nonni ma li avete badati perché eravate le uniche ad avere il tempo per farlo, siete riferimento per molteplici gatti, sostegno degli amici e sollievo dei parenti, sembrate quasi una Casa di misericordia, se non fosse che non prendete tangenti… e non sareste famiglia?
-No,  abbiamo scoperto che qui nella nostra strada su 7 famiglie in realtà di festeggiabile secondo i Canoni ce n’è solo una.
-Cioè?
-Beh, noi non lo siamo perché dello stesso sesso, poi c’è il ragazzo che è uscito di galera e alleva pitoni con la sua ragazza, e non sono famiglia, hanno pitoni e non bambini e non sono sposati, non so se ascoltare a tutto volume Vasco Rossi in giardino poi li ha penalizzati. Poi c’è Doriano con sua figlia, che fa pallavolo, lui alleva anatre ed è separato, l’ultima volta che ho visto la moglie stava qui a fumare nera, seduta su un paracarro, e le mogli sui paracarri non fanno la F maiuscola. Poi, tanto per non farci mancare niente, c’è Lino col fratello anch’esso anziano, ospitano la loro nipote alta alta, che è sotto psicofarmaci, ma il fatto che la ospitino non fa famiglia. Per finire, c’è la Pissi, che vive da sola ed esce spesso in shorts, e non fa nucleo familiare. Per non parlare della colonna della nostra campagna, la anziana signora, allevatrice di galline e galli e coltivatrice di orti, la Matura, che è vedova da poco e vive sola quindi non va festeggiata, al limite se si aggregava alla famiglia del figlio fesso poteva fare famiglia ma così no, …oltretutto adesso che gli è venuta la fissazione che i vicini spruzzano troppo “flit”.
-Ma allora chi è Famiglia del Family Day?
-La famiglia Pochini, con due bambini, che ci riempie il quartiere di gattini con pulci e non vediamo quasi mai a causa del loro indaffararsi tra figli e lavoro. Ogni tanto una sgommata, due urli, qualche pargolo urlante ma poco di più.
-E loro lo sanno che sono stati festeggiati?
-Non credo che nessuno li abbia invitati al pullman, non vanno mai neanche alla messa, semmai guardano la partita.
-Un consiglio allora agli organizzatori del Family Day?
-Fatevi pubblicità negli Stadi, qualcuno che voglia credere che il non-piano riproduttivo che ha messo in piedi abbia un valore in più, una medaglia al valore, lo trovate, ammesso che non sia troppo occupato a fare i conti per pagare l’asilo di questo mese.
-E che farà la famiglia Pochini?
-Comincerà a pensare che nel nostro quartiere c’è chi è Famiglia e chi no, e a fregare il parcheggio a noi con la effe piccola.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 22, 2015 da in acidofile, anticlericalismo, cultura gaya con tag , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: