rimarchevole…

un blog di provincia…

Donne ribelli, donne creative.

 donne_resistenza

“Ci sono passaggi della vita politica – istituzionale che più di altri sono “dolorosi “(almeno dal mio punto di vista ).
Quello che si é consumato negli ultimi giorni é sicuramente uno di questi .Io sono Donna e da qui parto. In questi giorni nonostante l alta rappresentanza di donne in questo Parlamento non ho sentito chiara la loro voce,per chiedere di portare nella  politica -al suo agire,un altro pensiero -un altro punto di vista -un altro sguardo -un altro ascolto, un’ altra “Cura “del vivere in questo paese.
A parte voci “isolate “sono rimaste nell ordine del “Padre “,qualsiasi esso sia . É nel mio modo di essere, relazionare con le altre /altri cercare mediazioni , punti di contatto , passaggi , le riflessioni , la leggerezza, la gioia di stare insieme, i conflitti (se necessità anche se dolorosi ) che non siamo distruttivi ma un arricchimento per l’ una e per l’ altra, un darsi riconoscimento, contaminarsi.
L ultimo atto,di quanto accaduto è stato rimettere sul gradino più alto il “Patriarca “, il padre a cui tutti possono fare riferimento, per sentirsi da lui tutelati, sarà lui a prendere le decisioni i “padri piccoli “agiranno di conseguenza con le logiche che già conosciamo. Si sta avvicinando il 25aprile, giorno fondamentale-fondativo -creatore  della nostra storia , le donne che ne sono state parte per anni sono state dimenticate,il loro ruolo nella resistenza era caduto nell oblio ,era considerato marginale -subalterno .É stato grazie al lavoro di tante altre donne e alcuni uomini che è venuto alla luce,é stato narrato -raccontato -cantato.Ora noi siamo qui,tante altre hanno iniziato -pensato -agito prima di noi, è da queste storie e da altre vicine e lontane che dobbiamo trovare la Forza -le Parole -la Consapevolezza per creare insieme la nostra storia -le nostre storie e far lievitare la Pasta Madre.
Può lievitare tanto. Anche nei momenti più tristi mi risuonano le parole di Laura Boldrini “facciamo di questa casa, la casa della buona politica “…una casa della buona politica da vivere nel nostro quotidiano , nella nostra città, nel nostro paese, una politica che rimette al centro “il vivere delle cittadine e dei cittadini “che si stacca dalle logiche del “potere “per il “potere”, questo annulla il pensiero -ferisce alle spalle, crea solo distruzione e macerie. Ora di macerie ne hanno lasciate tante “simboliche “e  non, so che i percorsi non saranno facili ma se ognuna di noi si prenderà la responsabilità e con consapevolezza “ripulirà”dei pezzetti chissà cosa accadrà!! cosa di nuovo nascerà !! Perché il 25 aprile non sia solo memoria, ma qualcosa che continua a vivere dentro ognuna /ognuno di noi.”
Buon 25aprile 
a tutte -tutti, 
Carla.

Carla Luzi fa parte delle Donne in nero di Fano.
Per sapere di più sulle attività riguardanti il 25 aprile: una mattina mi son svegliato.  A Fano, dopo il corteo istituzionale delle ore 10, aperitivo all’Anpi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 23, 2013 da in marche antifascismo con tag , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: