rimarchevole…

un blog di provincia…

Il Papa cinguetta!

twitt_ratzinger

Esponiamo in anteprima i sacri tweet del Pontefice, sottratti alle scrivanie ancora prima che venissero twittati e cestinati dall’ufficio stampa. Il “Santo Padre” ha già fatto predisporre i tweet giornalieri sino al 2036, i refusi sono tanti ma occorrerebbe un intero disco (rigido) per pubblicarli, quindi accontentatevi di questi qua:

-Si avicina l’Avento, tutto il kveato esulta pev la nascita del Zignore, pevké non sono Gesù Bambino? (scritto senza meditare, la sera tardi, censurato).

-Ztella mia, povtami l’asciugamano piccolo pev favore! (si tratta di un errore, è un sms del Papa per il suo segretario personale che sta in un’altra stanza, spesso si divertono a comunicare con gli sms da una coppia di telefoni smart bianchi con zircone regalatigli da Tim).

-Come possiamo vivere meglio l’anno della fede nel nostro quotidiano? (è sbagliato, un doppione di uno precedente a cui molti avevano risposto “Incartarci il pesce?” credendo che si parlasse dell’Osservatore).

-Che la pace sia con voi, leviamo in alto i nostri cuori, in poche parole voglio dirvi che oggi, 22 dicembre, siamo ancora tutti vivi, Così sia.

-Agnolotti con speck e panna, salsiccia bavarese, crauti, sacher torte, birra in flute (si tratta di un errore, è il menù desiderato per la sera – … ammazza!- scarabocchiato per la perpetua)

– Dialoga con Gesù nella preghiera, ascolta Gesù che ti parla nel Vangelo, incontra Gesù presente in chi ha bisogno. (anche questo un doppione a cui aveva risposto molta gente chiedendo prestiti).

-Compro oro. (…questo è vero ma è stato censurato perché in realtà scritto in un momento di grave crisi spirituale dopo la bagarre scatenata dalla stampa circa il Messaggio per la 45esima giornata mondiale della pace).

… insomma, la carriera virtuale di “@pontifex” è ancora lunga e tormentosa, così come avevano ammonito i Papi precedenti, tv e computer, come cinema fumetti giochi di carte e teatro,sono strumenti del demonio, quindi occorre avvicinarsi con prudenza e sperimentare umilmente. Smentiamo però che l’appellativo di Apontifex sia stato scelto per significare che tra poco non avremo più nessun papa, come predetto da quel saccentone di Nostradamus: di ‘papi’ purtroppo ne abbiamo ancora un altro, l’Original, lo stampo di una italietta che fa ridere, piangere, disperare, che fa fesso chi dà con coraggio il buon esempio, il cui motto è sempre, dai tempi di Ridolini “va avanti te che a me vien da ridere”.
Confermiamo anche che l’interpretazione data alle parole del Papa sul fatto che le unioni gay (e lesbiche) siano un pericolo per la pace è giusta: le unioni differenti da quelle eterosessuali-matrimoniali-patriarcali SONO un pericolo per la pace sociale di questa società capitalista, fondata sullo sfruttamento della forza lavoro femminile nella cura e nella società. Lo sono perché mostrano un diverso modo di convivere, nel quale spesso le mansioni ed i ruoli sono più liberi, e la sessualità è vissuta (speriamo) con maggiore coscienza, si discute di più, ci si diverte di più. E quale è il maggior pericolo di vedere nel “diverso”, nell’emarginato, nel minoritario maggiore felicità che nelle solite pippe ammuffite da telenovela incestuosa alla Beautiful, il pericolo di vivere con altruismo ma anche dando valore al proprio eros ? Etica senza fede! Viva la vita! Viva l’amore Lgbt! Sì all’adozione per le coppie gay e lesbiche! Gioioso Natale anticlericale!

Per avvalorare le nostre tesi, e non essere da meno di Busi, ecco la nostra bibliografia, tratta dal lavoro della nota vaticanista freelance pluridenunciata F.Palazzi Arduini:
-Reich e i fagociti bianchi
-Da Eros a Ratinger
-Il Maestro e Margherita
Rocco e i suoi fratelli
-La chiesa pietrificata

Un commento su “Il Papa cinguetta!

  1. superpralinix
    dicembre 19, 2012

    CIP CIP!

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 19, 2012 da in anticlericalismo.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: