rimarchevole…

un blog di provincia…

Pesaro sabato 3 marzo NO-TAV, solidarietà e resistenza!

 

Mentre la stampa di regime continua a invocare il”terrorismo” offendendo e diffamando la protesta popolare in Val di Susa e farneticando su strumentalizzazioni da parte di “frange estremiste” (ma quante sono queste frange!?!),la protesta di massa in Val di Susa continua, e inizia la repressione anche dei gesti di solidarietà, ieri ad Ancona una dura carica della Polizia.

Da ieri inoltre non è funzionante una parte delle mailing list del nostro sito, comitatinrete.it, ed alcuni siti italiani sono stati oscurati.

Abbiamo chiesto ad ARUBA di dare spiegazioni sul blocco degli indirizzi subito che ad un test eseguito risulta essere stato fatto dl server stesso. Per ovviare a questo problema, se dovesse persistere, invieremo le email usando l’intero blocco di indirizzi degli iscritti.

Informo comunque chi fosse interessato che domani pomeriggio, a Pesaro, ci sarà una iniziativa di solidarietà coi valligiani proposta dal centro sociale Oltrefrontiera e aperta a tutti a prescindere dall’appartenenza politica:
Sabato 3 marzo saremo in piazza del popolo a Pesaro dalle 16 alle 18 per dimostrare in maniera concreta la nostra solidarietà  e complicità con la resistenza del movimento no-tav e con Luca….

Lanciamo alle strutture e ai/alle singoli/e compagn* quest’appello e invitiamo tutt* ad esser presenti per sostenere a livello provinciale la lotta contro il tav .

Esporremo (come sabato scorso alla grande manifestazione in val di susa) un unico striscione contro gli arresti del gennaio scorso contro gli/le attivist* no tav “resistere alla repressione” che è firmato Pesaro Urbino no tav,questo per fare in modo che tutt* si sentano rappresentati e senza dover per forza far emergere ogni singola rappresentanza…

Faremo volantinaggio portando la voce della valle nella nostra provincia e cercando di fare contro-informazione rispetto a quest’opera inutile e dannosa….

Saremo in piazza contro chi pensa di poter espropriare i terreni della valle con la violenza dei manganelli e i lacrimogeni sparati ad altezza d’uomo.

Saremo in piazza per sostenere il movimento no tav , per Luca e per il futuro di tutt* noi ….

Csa oltrefrontiera

da globalproject-1 / 3 / 2012

Raccogliendo l’appello lanciato dall’assemblea NoTav di Bussoleno ieri notte, anche nelle Marche l’appuntamento di mobilitazione era fissato attorno alle 18.00 davanti alla stazione fs.

Il piazzale antistante lo snodo ferroviario aveva già ospitato lunedì il presidio convocato dall’Assemblea Permanente Movimenti Marche in solidarietà alla ValSusa, al fianco di Luca Abbà.

Sono bastati solo pochi secondi per comprendere oggi le diverse intenzioni da parte dei tutori dell’ordine pubblico.

Stavolta sono state le manganellate ad aspettare i manifestanti alla stazione. 

Una carica a freddo che ha atteso gli attivisti prima che riuscissero a raggiungere l’ingresso della stazione.

Almeno 4 i feriti, diversi i contusi. Nonostante l’accoglienza brutale della polizia, le oltre 200 persone presenti hanno resistito mantenendosi davanti all’entrata della sede ferroviaria.

Con determinazione gli attivisti hanno voluto sostenere la parola d’ordine che arrivava dalla ValSusa: blocchiamo tutto!

Dopo la carica, blocco totale del traffico nell’ora di punta sulla statale Flaminia, arteria fondamentale della circolazione cittadina.

Un blocco portato avanti per 2 ore, che si è concluso con un corteo non autorizzato. I manifestanti si sono diretti verso il centro, continuando a paralizzare la viabilità fino a raggiungere la sede dell’Ambasciata dei Diritti per riunirsi insieme all’Assemblea Permanente dei Movimenti.

Quando cala la sera la luna scopre il vero volto della gestione dell’ordine pubblico al tempo del governo tecnico: lo sgombero violento del blocco dell’A 32 a Chianocco come le manganellate preventive a vietare un presidio annunciato pubblicamente.

La giornata di oggi ha dimostrato come sia fallito il tentativo di isolamento mediatico e di forzatura sul piano militare ai danni del movimento NoTav.

Siamo tutti e ovunque No Tav. La Valle non si arrende!

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 2, 2012 da in ambaradan o sarabanda?, campagne nazionali con tag .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: