rimarchevole…

un blog di provincia…

L’incredibile e triste storia della matricola n° 82

15 novembre 2031
La matricola n° 82 rigirava tra le mani la lettera senza darsi pace…
Cosa avrebbe fatto ora? Come sarebbe cambiata la sua vita e quella di chi ancora sperava di poter contare su di lui?
La ditta di trasporti “M’AMI NON M’AMI” per cui lavorava da anni come controllore era fallita proprio ora, proprio pochi anni prima che lui potesse andare in pensione.
Un segretario (quello che non rispondeva mai al telefono quando gli utenti chiamavano) gliel’aveva consegnata a mano, senza pietà…del resto a lui toccava la stessa sorte della matricola n° 82!
La ditta le aveva provate tutte per non fallire.
Aveva iniziato facendo pagare il biglietto anche ai pensionati, alle donne incinte (soprattutto se straniere, perché secondo il loro modo razzista di pensare più “ricattabili”), ai disabili.
Poi aveva maggiorato i biglietti in tempo di crisi economica, infine aveva creato delle macchinette mangiasoldi che non davano resto…per il biglietto l’utenza doveva pagare 1€ e 5 c , 5 c che non si trovavano mai (forse perché era una moneta inesistente) e quindi chi saliva lasciava nella “mangiasoldi” sempre vari centesimi in più.
Ma nonostante tutte le strategie per strangolare l’utenza, i dirigenti (pagati e liquidati con fior di quattrini) erano riusciti a far fallire la S.p.a.

 16 novembre 2031
La matricola n° 82 pensò che ormai, l’unica cosa da fare era andare all’Inps e cercare di capire meglio quale fosse la sua situazione.
Un po’ perché abitava a circa un chilometro dagli uffici, un po’ perché il robusto corpo da controllore, tanto ostentato quando saliva sui mezzi per intimorire l’utenza, negli anni aveva lasciato il posto ad una notevole e flaccida pancia non facile da trasportare, un po’ per nostalgia, decise di salire per l’ultima volta su uno degli autobus della ditta a cui aveva regalato gli anni migliori della sua vita.
Salì sull’autobus, saluto e scambiò qualche parola con l’autista che conosceva da sempre…anche per lui quella era l’ultima corsa.
Si sedette.
Mentre l’autobus percorreva le strade di sempre, i pensieri continuavano ad affastellarsi nella sua mente…temeva per le sue sorti e quelle della famiglia…chi l’avrebbe assunto, in pieno periodo di crisi, a 62 anni suonati? Che ne sarebbe stato di loro?
“Biglietto, prego!”. La matricola n° 82 alzò lo sguardo, guardò il suo collega, gli sorrise bonariamente.
“Scusi, può farmi vedere il biglietto!”.
Capì che la matricola n° 45 faceva sul serio, ligio al dovere fino all’ultima corsa!!

Cercò di farfugliare qualcosa, che lui non credeva fosse necessario dopo una vita dedicata alla ditta…che aveva iniziato a parlare con l’autista e gli era passato di mente…che aveva tanti di quei pensieri e tra questi era sfuggito proprio quello di fare il biglietto…
“Sono 50 € di multa…nome e cognome, prego”.
Mentre la matricola n° 82 forniva le generalità all’integerrimo controllore i ricordi lo riportarono indietro nel tempo…ad un ormai lontano 16 novembre…

 16 novembre 2011
Era entrato nell’autobus con l’arroganza di chi ha sempre ragione e aveva iniziato a controllare con fare deciso e sicuro di sé i biglietti degli utenti che vedeva e trattava come gentaglia sempre pronta a fregare qualche centesimo alla sua ditta di trasporti.
Intanto il collega si era immediatamente diretto verso una donna araba incinta e poi verso un ragazzo straniero sicuro di beccarli in flagranza di reato!
La matricola n° 82 quando indossava la sua divisa si sentiva un marine in missione speciale: “Pietà per nessuno e comprensione zero” (NdR forse qualche problema di comprensione, a livello d’intelletto, il pover’uomo l’aveva davvero!).
“Biglietto, prego!”.
Un distinto signore di circa 70 anni gli spiegò che aveva già messo 2 € nella mangiasoldi ma nella parte sbagliata (dove si obliterano i biglietti) e che lo aveva riferito all’autista.
L’autista si affrettò a negare tutto, ma quando almeno 5 persone sostennero le affermazione del pensionato settantenne…ammise che era tutto vero!

La matricola n° 82 nella sua divisa blu, inspirò profondamente per cercare di tirare indietro la pancia e portare il petto in fuori (l’operazione, a dire il vero, non riuscì molto bene…la panza c’era e si vedeva comunque) e disse, alzando il tono, al pensionato che avrebbe dovuto rifare il biglietto.
Una passeggera storica che era seduta in mezzo ai due si permise di dire la sua, facendo notare che metà autobus aveva visto il signore inserire i 2€ seppur nella parte sbagliata e in tono ironico chiese se la sera, aprendo la mangiasoldi e vedendo i 2€, avrebbero lo contattato per riconsegnarglieli……Non avrebbe mai dovuto farlo!!
“Un passeggero non può mai ed in nessun modo mettere in dubbio l’operato di un controllore, soprattutto in mezzo ad altri utenti della ditta!!” questo era scritto nel codice (im-)morale non scritto del controllore-marine.
Quanto la matricola n° 82 avrebbe desiderato che quella passeggera non avesse il biglietto!!
L’avrebbe umiliata, multata, fatta scendere immediatamente dall’autobus!!

E invece ce l’aveva e continuava a parlare!
Lei che negli anni (prendeva gli autobus di linea da quando aveva 12 anni e aveva sempre pagato il biglietto o l’abbonamento) aveva visto la trasformazione disumana dei controllori e non sopportava da tempo la loro boria e i loro cyber-auricolari, lo intuiva e lo guardava senza timore reverenziale e trattandolo “alla pari”, senza farsi intimorire dal suo tono di voce, dalla sua stazza, dal suo ruolo e dalla sua divisa blu.

A quel punto la matricola disse con tono più arrogante che sicuramente qualcuno (da dove?! da dentro la mangiasoldi sigillata?!) aveva preso i soldi e che quindi il signore doveva ripagare il biglietto alla sua ditta…il signore frastornato da tutta la vicenda aveva cercato nelle sue tasche e aveva trovato altri 2€.
Chiese alla matricola n° 82 se avesse da cambiare ma lui rispose che non era lì per cambiare soldi e gli consigliò caldamente d’inserire gli altri 2€…così il povero pensionato pagò il viaggio 4€!
La passeggera scese poco dopo continuando a dire che tutto ciò era un’ assurdità.

Tornata a casa decise che da quel giorno anche lei avrebbe avuto una sua missione-speciale: non avrebbe più fatto l’esoso abbonamento al figlio, avrebbe “passato” il proprio biglietto dalla durata (1 ora…chi gira per un’ora dentro un autobus?!) e dal prezzo assurdi a tutti coloro che incontrava alle fermate, dando priorità agli anziani, agli stranieri e ai ragazzi e avrebbe raccontato a più persone ed utenti della “M’AMI NON M’AMI” ciò che era accaduto.

16 novembre 2031
La matricola n° 82 guardò il controllore integerrimo scrivere gli ultimi dati sul suo taccuino…pensò a ciò che aveva fatto lui esattamente 20 anni prima e in tante altre occasioni per la sua ditta che ora lo licenziava senza pietà e con comprensione zero…e percepì chiaramente chi e cosa è stato per una vita intera: un povero e immenso idiota.

 Personaggi, vicende e numeri di matricola non sono del tutto inventati…a voi decidere quali .

La passeggera storica, salva-dipendenti umani.

 

 

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 20, 2011 da in acidofile, diritti civili con tag .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: