rimarchevole…

un blog di provincia…

Fano: fantasie leghiste… e sanità pubblica

Circa 250 persone sabato 16 aprile alla sacrosanta manifestazione per il sacro-santa Croce, l’ospedale fanese che rischia di chiudere per la decisione di costruire un mega-ospedale unico (450 posti letto) tra Fano e Pesaro.

Una presenza cittadina importante, anche se, dopo aver riso dei cartelli leghisti, ci viene meno da ridere quando ricordiamo che la stressa espressione idiomatica (padana) è usata dai leghisti in cartelli di matrice razzista. Anche l’intervento del leghista Zaffini non ci è piaciuto, perché è sembrato far leva sulla presunta rivalità tra fanesi e pesaresi “L’ospedale ce lo vogliono togliere perché Pesaro vuole il suo ospedale nuovo”. Affermazione poco fondata se è vero coem afferma il Bob Kennedy dei pesaresi, Matteo Ricci, che la zona individuata per la struttura, dopo essersi spostata come il bicchiere dei medium , ora è nei pressi di Fosso Sejore…
 
E’ stata annunciata alla manifestazione del 16, dal Comitato per la difesa del Santa croce, una raccolta di firme per fare un referendum provinciale sulla questione, forse troppo in ritardo coi tempi visto che le decisioni amministrative sono state già prese. Vedremo.
Al di là delle cadute di tono, e del fatto che i cartelli erano comunque tutti condivisibili nei contenuti, rimandiamo all’ analisi che abbiamo fatto del comvegno e al recente comunicato dei comitatinrete che  riportiamo, intitolato “Con un poco di zucchero l’h unico va giù?” :

La decisione, già assunta da tempo da chi ci “amministra” anche se hanno provato a farci credere di che così non è, di costruire un ospedale unico cementificando una nuova area, per un  costo iniziale di 130 milioni di euro, avrebbe dovuto scardinare la domanda se non sia meglio, visti anche gli scellerati tagli alla spesa pubblica, investire nell’aumento della qualità delle strutture esistenti.

E invece, i cittadini, alle prese con un servizio sanitario scadente, tempi di attesa inaccettabili, indegni di un paese civile, disparità di trattamento tra chi richiede visite a carico del servizio sanitario e chi ha la possibilità di avvalersi dei medesimi servizi in libera professione, “pellegrinaggi” sempre più frequenti verso quella professionalità sanitarie che, a differenza delle Marche, l’Emilia Romagna ha saputo mantenere e costruire … quelle domande se le pongono.
Per la Regione Marche e molti nostri enti locali la Sanità è diventata una industria, ed i soldi ottenuti dal Ministero, prima dell’avvento del federalismo fiscale, vanno usati, consumati, ad ogni costo! Ma a beneficio di chi? Non certo dei cittadini, che continueranno ad avere servizi inadeguati in una struttura, forse nuova, ma più lontana, con un impoverimento dell’intero territorio, soprattutto dell’entroterra.

Il rapporto Ceis-Sanità 2009 presentato poco tempo fa segnala che la spesa sanitaria del 2009 ha raggiunto un importo pari al 8,7% del PIL, e che considerando il valore aggiunto del settore si raggiunge una percentuale di circa il 12%, per cui la spesa sanitaria rappresenterebbe la terza realtà industriale del Paese dopo alimentari ed edilizia! Il continuo aumento delle patologie tumorali nelle società industrializzate è purtroppo un dato di fatto, i farmaci anti neoplastici in Italia danno  una spesa complessiva di oltre 7 miliardi l’anno. Praticamente un’intera manovra finanziaria, comprensiva di tutti i settori economici.
Proprio il “dirigente” regionale Ruta, giocando coi numeri, ha annunciato di sapere già quanti saranno i tumori nelle Marche nel 2012: 8250. Così, mentre ambigue politiche “per lo sviluppo” non tengono conto delle esigenze di risanamento immediato di aree a rischio ecologico e sanitario e dell’ormai dimostrato legame tra qualità dell’acqua e dell’aria ed i tumori, i dirigenti regionali ci trattano come numeri.

Per questo la responsabilità dei cittadini nel richiedere una maggiore prevenzione ed un più puntuale uso del principio di precauzione nelle scelte industriali è fondamentale:
occorre indirizzare la società verso delle politiche integrate che sappiano coniugare dei fermi NO alle industrie insalubri, ad una programmazione economica che combatta innanzitutto le cause delle malattie.  
Anche il  protocollo firmato dai sindaci, che hanno inteso rassicurare la cittadinanza, non ha purtroppo alcuna validità; si tratta solamente della trascrizione di richieste in realtà già disattese dai fatti. Se in Italia venivano prescritti 4 posti letto ospedalieri per 1000 abitanti  ora il Patto per la salute del 2009 prevede di giungere a 3 per mille. Ciò perché sono in continuo aumento sia le patologie croniche che l’aumento dell’età media della popolazione, e quindi occorre investire di più nell’assistenza domiciliare e nella degenza geriatrica. Considerando che il bacino provinciale è di circa 280 mila persone e che solo gli ospedali di Pesaro e Fano riuniscono già assieme un totale di circa 643 posti … è ovvio che la costruzione di un nuovo ospedale da 450 posti letto richiederà la quasi totale chiusura di tutti i reparti ora esistenti in provincia.

Che fare? Tornare a discutere, assieme al personale sanitario e a lavoratori della medicina territoriale, su ciò pretendiamo: essere cittadini attivi e consapevoli e non numeri.
Comitatinrete.it, Citas – comitato intercomunale Barchi, Marche per rifiuti zero, 16 aprile 2011.

http://www.comitatinrete.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: