rimarchevole…

un blog di provincia…

Il FORUM nucleare ci vuole tutti gemelli…

Ci associamo allo spot alternativo  a quello originale diffuso urbi et orbi per Natale dai nuclearisti del Forum nucleare.

NEWS: il 18 febbraio 2011 l’Istituto dell’ autodisciplina pubblicitaria ha dichiarato lo spot del Forum nucleare ingannevole e ne ha ordinato, seppure in grande ritardo, la cessazione.

Piacerebbe ai soci fondatori del Forum nucleare (non SUL nucleare ma proprio NUCLEARE) – e cioè Alstom power, Ansaldo nucleare, Areva, Confindustria, E.On, Edf, Edison, Enel, Federprogetti, Flaei-Cisl (ebbene sì, anche i sindacati), Gdf Suez, Politecnico di Milano, Sapienza – Università di Roma, Sogin, Stratinvest Energy, Techint, Technip, Tecnimont, Terna, Uilcem, Università di Genova, Università di Palermo, Università di Pisa, Westinghouse,… tutte società o gruppi che già investono sul nucleare nel mondo o che hanno interesse economico a sostenerlo –
che tutti ci facessimo infinocchiare dalla  pubblicità ingannevole che presenta varie persone IDENTICHE giocare a scacchi in una asettica e grigiastra sala, … forse costruita sopra un deposito di scorie radioattive, visto l’umore ed i coloriti.
Invece, consapevoli che in Italia è già stato svolto un referendum, nel 1987, che ha decretato l’uscita dell’Italia dal nucleare, riflettiamo non solo sui vari escamotage (non per niente la parola è francese) che i Governi italiani hanno adottato, assieme ad Enel, per compartecipare comunque alle “imprese” nucleari francesi e fare incassare gli utili di questi scempi agli azionisti… ma ricordiamo anche che la Commissione europea ha confermato che il nucleare NON può essere considerato una fonte di energia rinnovabile. Quindi l’incipit della voce nuclearista dello spot pubblicitario è almeno 5 volte mentitore, quando afferma che il nucleare va scelto perché “i nostri figli” non potranno contare su altre forme di energia:
1) perché l’uranio non è rinnovabile
2) perciò semmai lasceremmo ai nostri figli tutte le scorie radioattive e non smaltibili di questi decenni
3) perché gli lasceremmo i tumori comunque casuati dall’attività delle centrali
4) perché il nucleare viene scelto come investimento da chi ha interesse a diversificare ed aumentare l’offerta ed il consumo di energia, e non a razionalizzarli, basti vedere l’attività di alcuni dei soci del Forum, dai soci del progetto nucleare francese, come Alstom Power, a società di ingegneristica come la Techint o la Tecnimont, che progetta ovviamente anche raffinerie di petrolio. Per questi signori l’importante è offrire strumenti di guadagno agli investitori, per i quali i consumatori di energia sono vacche da mungere.
5) perché esistono le vere fonti di energia rinnovabile che possono garantire molto di più in termini di sicurezza, gestione democratica, risorse (e su questo dovrebbero riflettere Flai-Cisl e Uilcem…).
Sul sito Informare per resistere    troverete una raccolta molto più vasta di spot “alternativi”  e l’invito a protestare con il Garante per questo spot pubblicitario che presenta come una discussione alla pari quello che è invece solo propaganda. Insinuosa proprio come radiazioni.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 7, 2011 da in ambaradan o sarabanda?, marche ambientalismo con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: