rimarchevole…

un blog di provincia…

Alla provincia di Pesaro il record degli incidenti di caccia

Una sparuta minoranza di sedicenti “sportivi” che tiene in ostaggio, da settembre a gennaio, e per volere della Giunta regionale ora anche tutto l’anno con la caccia di selezione al cinghiale, tutta la Regione.
Un disegno di legge, il famigerato disegno Orsi, dal nome del senatore proponente, che vorrebbe fare carta straccia anche di quei pochi limiti e vincoli che sono tuttora abbondantemente infranti,  anche a causa della scaristà dei controlli e di un regime ispettivo applicato “in proprio” da guardacaccia che sono anche cacciatori… il risultato è quello che, mentre le associazioni dei cacciatori si presentano come “paladini della vita”, e chissà perché ci vien da pensare ad altri che si sporcano la bocca con questa parola, la lista delle morti e degli incidenti è lunga. E purtroppo non può comprendere le migliaia di animali, anche protetti, feriti e uccisi per “sport”.
Invitiamo a visitare, per seguire le manovre del DDL Orsi e per documentarsi, oltre che il sito della Lega per l’abolizione della caccia,
anche quello della Associazione vittime della caccia e quello della Associazione per lo studio delle tradizioni violente.
Altre notizie anche alla nostra pagina http://rimarchevole.worpress.com/campagne-nazionali
http://www.abolizionecaccia.it
http://www.vittimedellacaccia.org
sul cui sito potete trovare un interessante appello a non abbassare la guardia sugli altri disegni di legge pro-caccia oltre al Ddl Orsi,
http://www.tradizioniviolente.org

caccia_campagna
In particolare i cacciatori morti negli ultimi cinque mesi sono 24, mentre i feriti ammontano a 62. Ma si contano parecchie vittime anche tra innocenti passanti: per precisione 17 morti e 23 feriti. Daniela Casprini, presidente dell’Associazione, precisa che si tratta di “vittime per armi da caccia dal primo settembre 2008 al 31 gennaio 2009. Quanto alle munizioni, i pallini hanno provocato 44 vittime tra morti e feriti (sono molto pericolosi perché usati vicino ai centri abitati), mentre la palla unica (che serve a uccidere cinghiali e altri ungulati), ha causato 36 vittime.
Ancora: sono rimasti coinvolti 12 minorenni, mentre per 24 volte è intervenuto l’elicottero per prestare soccorsi. Il  poco invidiabile primato della regione più ‘pericolosa’ per incidenti di caccia spetta alla Toscana (17), seguita dalla Sardegna (12) e dal  Veneto (10). Tra le province il triste primato spetta a Pesaro-Urbino (7), seguita da Cagliari (5) e Treviso (5). Infine, il mese con più vittime è stato ottobre (35)

ROMA, 9 febbraio 2009 –Sembra davvero un bollettino di guerra, il bilancio di cinque mesi di stagione venatoria. Le vittime ‘umane’ della caccia sono infatti ben 126: 41 morti e 85 feriti. Il dato è reso noto dall’Associazione delle vittime della caccia, che si riferisce ai 117 episodi di cronaca conteggiati.

FATTI E MISFATTI PER ARMI DA CACCIA
DAL 1 SETTEMBRE 2008 AL 31 GENNAIO 2009
(Periodo corrispondente alla stagione venatoria)
I DATI DELLE VITTIME

Integrazione rispetto ai dati diramati il 3 febbraio
alla luce di riscontri incrociati.

EPISODI DI CRONACA OSSERVATI: 127, da cui rilevate 136 vittime (tra morti e feriti)
TOT FERITI 94
TOT MORTI 42
FERITI CACCIATORI 67 – FERITI GENTE COMUNE 27
MORTI CACCIATORI 25 – MORTI GENTE COMUNE 17

TOT VITTIME (morti e feriti) tra I CACCIATORI: 92

TOT VITTIME (morti e feriti) tra la GENTE COMUNE: 44

– TOTALI VITTIME AMBITO VENATORIO 103
VITTIME GENTE COMUNE (Feriti 13 – Morti 3 ) TOT 16
VITTIME CACCIATORI (Feriti 65 – Morti 22 ) TOT 87

– TOTALI VITTIME ARMI DA CACCIA IN AMBITO EXTRA-VENATORIO 33
VITTIME GENTE COMUNE (Feriti 14 – Morti 14 ) TOT 28
VITTIME CACCIATORI (Feriti 2 – Morti 3 ) TOT 5

(Laddove è stato possibile rilevare, in quanto citato nell’articolo stampa):
VITTIME PER MUNIZIONE SPEZZATA: 42
VITTIME PER MUNIZIONI A PALLA UNICA: 37
ELISOCCORSI INTERVENUTI 25

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: